Livello **** ****

Discarica Pubblica "Cannicci"

La discarica pubblica, attualmente a servizio del bacino dell’ATO Toscana Sud, è situata in località “Cannicci” nel comune di Civitella Paganico.

Ha una superficie complessiva di 39 ettari ed è gestita dalla Soc. Civitella Paganico 2000, società posseduta al 100% dal nostro Comune.
Soc. Civitella Paganico 2000 - consulta il sito ufficiale

Il progetto originario della discarica, autorizzato con Determina Provincia di Grosseto n°1627/2006, ha previsto l’utilizzazione di una superficie totale di circa 39 ettari, costituita a suo tempo da terreni agricoli condotti ordinariamente a seminativi per colture agrarie erbacee (cerealicole ed oleaginose).

Sulla base del progetto autorizzato la coltivazione della discarica è stata, ed è ancora attualmente, effettuata in parte in scavo e in parte fuori terra, previa realizzazione di opportuni argini di contenimento impermeabilizzati, in maniera tale da realizzare una morfologia dell’ambito coltivato in linea con il paesaggio collinare circostante.

Dal un punto di vista realizzativo la discarica è costituita da una serie di vasche distinte (moduli), ognuna delle quali suddivisa a sua volta in due o più distinti settori da coltivare in progressione (sub moduli). Tale metodica è funzionale alla minimizzazione dell’esposizione dei rifiuti e degli impatti connessi.

Nel corso degli anni la discarica si è progressivamente arricchita di interventi tecnologici molto qualificanti sotto il profilo energetico ed ambientale, infatti al suo interno è stato realizzato un piccolo parco fotovoltaico da 100 kWp che produce energia elettrica sufficiente per i fabbisogni interni. Tale sistema è affiancato da un impianto complesso di recupero ed utilizzo energetico del biogas prodotto dalla componente organica dei rifiuti in decomposizione che viene alimentato da un motore accoppiato con un generatore di corrente elettrica.

Mediamente si producono circa 2 500 000 kWh di energia elettrica per anno che vengono immesse nelle rete elettrica nazionale contribuendo così a ridurre circa 1 300 t/a le emissioni nazionali di  CO2, gas notoriamente climalterante.

Una ulteriore innovativa soluzione tecnologica realizzata nell’ambito della discarica è costituita dalla realizzazione di un impianto di trattamento depurativo del percolato prodotto. Tale impianto, fortemente innovativo, consente di trasformare il “problema del percolato” in una “risorsa” in quanto, a seguito di un trattamento depurativo spinto ad osmosi, lo stesso viene in parte (70% del totale) trasformato in acqua industriale che, stoccata in un bacino appositamente predisposto, viene impiegata per gli usi interni della discarica (irrigazione, depolverazione strade, lavaggi, eccetera). Tale soluzione ha consentito di eliminare totalmente i prelievi idrici dai pozzi, con notevoli benefici ambientali.

Il sito suscita grande interesse nel mondo della scuola che annualmente organizza per le scolaresche di ogni ordine e grado, d’intesa con l’Amministrazione Comunale, visite guidate in cui si analizzano le problematiche del ciclo dei rifiuti.

torna all'inizio del contenuto