Matrimonio

REQUISITI DEL RICHIEDENTE
Possono contrarre matrimonio i cittadini italiani, i cittadini stranieri (comunitari e non comunitari), maggiorenni, di stato libero, che non siano legati fra loro da vincoli di parentela, affinità, adozione e affiliazione nei gradi stabiliti dal Codice Civile.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE
Per le pubblicazioni di matrimonio:
- Richiesta in carta libera in cui si autocertificano nascita, residenza, cittadinanza e il loro stato civile (nubile, celibe o già coniugato)
- Documento di identità valido di entrambi gli sposi
Se il matrimonio è celebrato con rito religioso deve essere presentata obbligatoriamente la richiesta di pubblicazione rilasciata dal parroco davanti al quale il matrimonio sarà celebrato.
Se uno o entrambi gli sposi sono cittadini stranieri (comunitari o non comunitari): nulla osta al matrimonio rilasciato dall'Autorità Consolare in Italia, legalizzato presso la Prefettura competente per territorio oppure rilasciato dall'Autorità competente del proprio Paese, in questo caso il documento deve essere legalizzato dal Consolato o dall'Ambasciata italiana all'estero. In mancanza di nulla- osta occorre una sentenza del Tribunale Italiano.
Se entrambi i nubendi sono residenti in altro Comune italiano o all'estero, devono effettuare le pubblicazioni nel proprio Comune di residenza (o Consolato se residenti all'estero)  ed ottenere la delega per la celebrazione del matrimonio che dovrà essere trasmessa o presentata all'ufficio di Stato Civile del Comune di Civitella Paganico.

CASI PARTICOLARI
In caso di matrimonio tra minorenni, con almeno sedici anni di età deve essere presentata copia del provvedimento di ammissione al matrimonio rilasciata dal Tribunale dei Minori.
In caso di parentela o affinità tra i coniugi è necessario il decreto del Tribunale di autorizzazione a contrarre matrimonio (articolo 87 del Codice Civile).
In caso di donna divorziata che intende contrarre matrimonio prima che siano decorsi i 300 giorni dallo scioglimento, dall'annullamento, o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio, si fa riferimento all'art.89 del Codice Civile.

ITER PROCEDURA
Richiesta di pubblicazioni di matrimonio.
Per poter contrarre matrimonio, sia con rito civile che con rito religioso, occorre richiedere le pubblicazioni all'ufficio di Stato civile del Comune di residenza di uno dei due futuri sposi.
La richiesta della pubblicazione al Comune di Civitella Paganico può essere effettuata dagli sposi  inviando il modulo "richiesta pubblicazioni" presente negli allegati tramite email o PEC.
Gli interessati devono soltanto autocertificare la nascita, residenza, cittadinanza e il loro stato civile (nubile, celibe o già coniugato). Tutta la documentazione necessaria successiva verrà poi acquisita direttamente dall'ufficio, che contatterà i nubendi per fissare l'appuntamento per le pubblicazioni di matrimonio presso lo sportello.

Affissione all'albo del verbale delle pubblicazioni
Una volta fatta la richiesta di pubblicazione e acquisiti i documenti necessari, le pubblicazioni vengono affisse all'Albo pretorio on-line per almeno 8 giorni. 

A partire dal 12° giorno dall'affissione può essere celebrato il matrimonio civile oppure può essere ritirato il certificato di eseguite pubblicazioni da consegnare al Parroco o al Ministro di culto, in caso di matrimonio religioso.
Nel caso di matrimonio civile da celebrarsi in altro Comune, viene consegnata la delega per la celebrazione.
Le pubblicazioni hanno validità 180 giorni dalla data dell'eseguita pubblicazione. Nel caso in cui il matrimonio non sia celebrato entro tale termine, queste decadono ed occorrerà ripeterle.

Preparazione al rito 
Se il matrimonio è celebrato con rito civile nel Comune di Civitella Paganico, è necessario presentare le fotocopie del documento di identità dei due testimoni che saranno presenti alla cerimonia.
Prima del rito è necessario comunicare la scelta del regime di separazione dei beni. In caso di matrimonio civile, la scelta va comunicata all'Ufficiale di Stato Civile, mentre per i matrimoni religiosi va fatta al Ministro di Culto. Per cambiare successivamente la scelta del regime patrimoniale, occorre un atto stipulato da un notaio. Si ricorda che per l'attuale normativa è automatico il regime della "comunione dei beni" .

COSTI
Costi per le pubblicazioni di matrimonio
1 marca da bollo da euro 16,00 (se la pubblicazione deve essere fatta in due comuni, caso di residenza dei nubendi in due comuni diversi, occorrono 2 marche da bollo)

torna all'inizio del contenuto