Agenzie d'affari

Come avviare un'attività di intermediazione tra due soggetti per la vendita o la prestazione di servizi conto terzi

L'agenzia di affari (prevista dall'art. 115 del TULPS) è un'impresa organizzata che svolge un'attività di intermediazione tra due soggetti per la vendita o la prestazione di servizi conto terzi, rivolgendo la propria opera a chiunque ne faccia richiesta dietro il pagamento di un compenso sotto forma di una percentuale sulle operazioni compiute.
Gli elementi che caratterizzano l'agenzia di affari sono:
- l'esercizio organizzato e abituale di una serie di atti
- una prestazione di opera a chiunque ne faccia richiesta
- la natura essenzialmente di intermediazione della prestazione d'opera
- il fine di lucro
La competenza per le attività di agenzia d'affari è del Comune, ad eccezione di quelle di competenza della Questura o di altri soggetti, disciplinate da leggi speciali (art. 2 del Regolamento comunale sulle agenzie d'affari, approvato con D.C.C. 122/2003 e modificato con D.C.C.10/2011).
L'esercizio dell’attività può essere svolto avvalendosi di un rappresentante abilitato a gestire l'attività per conto del titolare ed è subordinato al possesso di:
- un registro giornaliero delle operazioni (cosiddetto giornale degli affari), che sarà posto in uso ad avvenuta vidimazione da parte del Comune territorialmente competente;
- una tabella delle operazioni con relativo tariffario, che dovrà essere esposta in modo visibile nei locali ove si svolge l'attività, previo pagamento dell'imposta di bollo e apposizione del timbro da parte dell'ufficio comunale competente.

Requisiti 
Requisiti soggettivi
- Possesso dei requisiti morali ai sensi del D. Lgs. 159/2011 (Codice delle Leggi Antimafia) e degli articoli 11 e 92 e 131 del R. D. 773/1931 (TULPS);
- Iscrizione nel registro delle imprese;
- Per i cittadini non UE, essere in possesso di permesso di soggiorno in corso di validità oppure averne già richiesto il rinnovo.
Requisiti oggettivi
- Disponibilità dei locali dove si svolgerà l’attività o disponibilità di un dominio internet nel caso in cui l’attività sia svolta on line;
- Rispetto della normativa edilizia, urbanistica, igienico-sanitaria e di sicurezza nei luoghi di lavoro;
- Destinazione d'uso dei locali comprovata da idoneo titolo edilizio: "Tc - Commerciale" per attività di carattere commerciale (vendita conto terzi); "Tu - Direzionale" per attività di servizi;
- Conformità alla normativa antincendio (D.P.R. 151/2011).

Documenti da allegare 
- Moduli del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR) 
Da consegnare a mano 
- Tabella delle operazioni con tariffario;
- Giornale degli affari.

Come si ottiene 
Per l'avvio, il trasferimento di sede e la cessazione di un'attività di agenzia d'affari è necessario inoltrare apposita Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) esclusivamente attraverso procedura on line del Sistema Telematico di Accettazione Regionale (attività 96.05R - Agenzie di affari).
Eventuali integrazioni e comunicazioni devono, invece, essere inviate da un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) all'indirizzo PEC del Comune di Civitella Paganico,  con le modalità descritte alla pagina Disciplina per l'invio telematico delle istanze/comunicazioni allo Sportello per l'edilizia e le attività produttive.
Successivamente all'invio della SCIA sarà necessario recarsi presso lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUEAP) per la consegna a mano di:
Tabella delle operazioni con tariffario, con apposta marca da bollo pari all’importo vigente, che sarà timbrata a cura dell’ufficio e che dovrà essere esposta in modo visibile nei locali dove si esercita l'attività;
Giornale degli affari, che sarà depositato, vidimato a cura dell’ufficio e successivamente ritirato.

Sistema Telematico di Accettazione Regionale (STAR)
Download
Download
  PDF260K autovidimazione-giornale-affari2.pdf

  RTF228,5K autovidimazione-giornale-affari2.rtf

Ufficio di competenza

torna all'inizio del contenuto